Giuseppe De Gregorio

Nato a Roma nel 1962, laureato in Lettere nell’Università di Roma «La Sapienza» nel 1986, titolare di una borsa di studio del Deutscher Akademischer Austauschdienst presso la Freie Universität Berlin (Seminar für Klassische Philologie, prof. D. Harlfinger) (1° ottobre 1987 – 30 giugno 1989), collaboratore dell’Aristoteles Archiv – Berlin (1° luglio 1989 – 31 gennaio 1990), assistente a contratto di Filologia greca (con l’incarico delle lezioni ed esercitazioni di Paleografia greca) nell’Institut für Griechische und Lateinische Philologie der Universität Hamburg (1° febbraio 1990 – 31 dicembre 1991), ricercatore del gruppo M12B – Paleografia nell’Università di Roma «La Sapienza» – Dipartimento di Studi sulle Società e le Culture del Medioevo (con afferenza alla cattedra di Paleografia greca; 21 aprile 1992 – 31 ottobre 1998), professore associato di Paleografia greca nell’Università di Salerno (1° novembre 1998 – 31 dicembre 2001), attualmente professore di prima fascia (straordinario dal 1° gennaio 2002 al 31 dicembre 2004, ordinario dal 1° gennaio 2005) di Paleografia greca (settore scientifico-disciplinare M-STO/09 – Paleografia) nella stessa sede, dove ricopre anche l’insegnamento di Filologia bizantina. Dall’a. a. 2006/2007 all’a. a. 2011/2012 ha ricoperto per supplenza l’insegnamento di Paleografia greca presso la Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari dell’Università “La Sapienza” di Roma. Afferisce al settore concorsuale 11/A4 – Scienze del libro e del documento e scienze storico religiose.

Responsabile di Unità operativa del progetto PRIN 2000 (Interazioni fra Oriente e Occidente nel mondo bizantino: aspetti letterari, agiografici, liturgici nella produzione libraria dei secoli VI-XV).

Presso la Österreichische Akademie der Wissenschaften è stato membro della Kommission für Byzantinistik, del Kuratorium dell’Institut für Byzanzforschung e del Wissenschaftlicher Beirat del Zentrum Mittelalterforschung (2005-2011).

Revisore e referee esterno per la valutazione (finalizzata alle pubblicazioni, alle abilitazioni all’insegnamento universitario, nonché alle progressioni di carriera di docenti e ricercatori) presso la Universität Leipzig e la Universität Wien, nonché presso la Österreichische Akademie der Wissenschaften, presso la Bayerische Akademie der Wissenschaften e presso l’Historisches Institut beim Österreichischen Kulturforum Rom.

Consigliere (con funzione di segretario) dell’Associazione Italiana dei Paleografi e Diplomatisti per due mandati (ottobre 2000 – ottobre 2003 e ottobre 2003 – ottobre 2006), ne ha tenuto la presidenza per due mandati (ottobre 2006 – settembre 2009, settembre 2009 – settembre 2012).

Petra Kappert Fellow presso il Sonderforschungsbereich 950 “Manuskriptkulturen in Asien, Afrika und Europa” der Universität Hamburg (settembre 2012 – febbraio 2013).

Membro della Commissione «Indici e Cataloghi delle biblioteche italiane» del Ministero per i Beni e le Attività culturali, membro della Commissione Scientifica per l’Edizione Nazionale delle traduzioni dei testi greci in età umanistica e rinascimentale dello stesso Ministero (con sede presso la Fondazione Ezio Franceschini di Firenze).

Membro dell’International Advisory Board della rivista Parekbolai. An Electronic Journal for Byzantine Literatur.

Membro del Comitato scientifico di Nea Rhome. Rivista di ricerche bizantinistiche.

Membro del Comité International de Paléographie grecque (CIPG) dal 2003; dal 2013 membro del bureau dello stesso CIPG, con funzione di segretario.

Indirizzi

Dipartimento di Studi Umanistici, Università degli Studi di Salerno
Via Giovanni Paolo II, 132
84084 Fisciano (SA)
telefono: 089 962315
fax: 089 962133
email: g.degregorio@unisa.it
pagina web: http://www.unisa.it/docenti/giuseppedegregorio/index
Via Belvedere Montello, 41
00166 Roma (RM)
telefono: 06 6140669
email: gius.degregorio@libero.it

Pubblicazioni

  1. Indice delle testimonianze scritte citate nei volumi 1-10 di «Scrittura e Civiltà», volume separato di «Scrittura e Civiltà», 11 (1987).

  2. Graecogermania. Griechischstudien deutscher Humanisten, unter der Leitung von D. Harlfinger bearbeitet von R. Barm u. a., Wolfenbüttel-Weinheim-New York 1989 (Ausstellungskataloge der Herzog August Bibliothek, 59), pp. 181-184 (saggio), 184-187 (schede nn. 97-99), 198-199, 202 (saggio), 203-213 (schede nn. 106-112), 218-223 (schede nn. 116-117), 293-295 (scheda n. 147).

  3. Il copista greco Manouel Malaxos. Studio biografico e paleografico-codicologico, Città del Vaticano, Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, 1991 (Littera Antiqua, 8).

  4. Curatela: Scritture, libri e testi nelle aree provinciali di Bisanzio, Atti del seminario di Erice (18-25 settembre 1988), a cura di G. Cavallo, G. De Gregorio, M. Maniaci, I-II, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1991 (Biblioteca del Centro per il collegamento degli Studi Medievali e Umanistici nell’Università di Perugia, 5) (con Prefazione, ibid., I, pp. VII-XII) (in collaborazione con G. Cavallo e M. Maniaci).

  5. Osservazioni ed ipotesi sulla circolazione del testo di Aristotele tra Occidente e Oriente, in Scritture, libri e testi nelle aree provinciali di Bisanzio, Atti del seminario di Erice (18-25 settembre 1988), a cura di G. Cavallo, G. De Gregorio, M. Maniaci, II, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1991 (Biblioteca del Centro per il collegamento degli Studi Medievali e Umanistici nell’Università di Perugia, 5), pp. 475-498.

  6. Per un catalogo sommario dei manoscritti greci dei “Commentaria in Aristotelem Graeca et Byzantina”: specimen (Leiden, Modena), in Symbolae Berolinenses für Dieter Harlfinger, hrsg. von F. Berger, Ch. Brockmann, G. De Gregorio, M.I. Ghisu, S. Kotzabassi, B. Noack, Amsterdam, Hakkert, 1993, pp. 117-167 (in collaborazione con P. Eleuteri).

  7. Per uno studio della cultura scritta a Creta sotto il dominio veneziano: i codici greco-latini del secolo XIV, in «Scrittura e Civiltà», XVII (1993), pp. 103-201.

  8. Attività scrittoria a Mistrà nell’ultima età paleologa: il caso del cod. Mut. gr. 144, in «Scrittura e Civiltà», XVIII (1994), pp. 243-280.

  9. Kalligrapheîn/tachygrapheîn. Qualche riflessione sull’educazione grafica di scribi bizantini, in Scribi e colofoni. Le sottoscrizioni di copisti dalle origini all’avvento della stampa, Atti del seminario di Erice, X Colloquio del Comité international de Paléographie latine (23-28 ottobre 1993), a cura di E. Condello e G. De Gregorio, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1995 (Biblioteca del Centro per il collegamento degli Studi Medievali e Umanistici in Umbria, 14), pp. 423-448.

  10. Studi su copisti greci del tardo Cinquecento: I. Ancora Manuel Malaxos, in «Römische Historische Mitteilungen», 37 (1995), pp. 97-144.

  11. Studi su copisti greci del tardo Cinquecento: II. Ioannes Malaxos e Theodosios Zygomalas, in «Römische Historische Mitteilungen», 38 (1996), pp. 189-268.

  12. Un intervento patriarcale del 1574 contro la idiorritmia: i documenti di Hieremias II Tranos, in «Jahrbuch der Österreichischen Byzantinistik», 46 (1996), pp. 343-378.

  13. Beta-Gamma-Stil, in Der Neue Pauly, II, Stuttgart-Weimar 1997, col. 592.

  14. L’iscrizione metrica di Andreas panhypersebastos nella chiesa meridionale del monastero del Pantokrator a Costantinopoli, in Lesarten. Festschrift für Athanasios Kambylis zum 70. Geburtstag, dargebracht von Schülern, Kollegen und Freunden, hrsg. von I. Vassis, G.S. Henrich, D.R. Reinsch, Berlin-New York, de Gruyter, 1998, pp. 161-179.

  15. Curatela: Documenti medievali greci e latini. Studi comparativi, Atti del seminario di Erice (23-29 ottobre 1995), a cura di G. De Gregorio e O. Kresten, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1998 (Incontri di studio, 1) (con Prefazione a pp. IX-X).

  16. Scriba (area bizantina), in Enciclopedia dell’arte medievale, X, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1999, pp. 425-429.

  17. Manoscritti greci patristici fra ultima età bizantina e umanesimo italiano. Con un’appendice sulla traduzione latina di Atanasio Calceopulo dell’Omelia “In principium Proverbiorum” di Basilio Magno, in Tradizioni patristiche nell’Umanesimo, Atti del Convegno, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, Biblioteca Medicea Laurenziana (Firenze, 6-8 febbraio 1997), a cura di M. Cortesi e C. Leonardi, Firenze, SISMEL – Edizioni del Galluzzo, 2000 (Millennio Medievale, 17 – Atti di Convegni, 4), pp. 317-396.

  18. Materiali vecchi e nuovi per uno studio della minuscola greca fra VII e IX secolo, in I manoscritti greci tra riflessione e dibattito, Atti del V Colloquio internazionale di Paleografia greca (Cremona, 4-10 ottobre 1998), a cura di G. Prato, Firenze, Gonnelli, 2000 (Papyrologica Florentina, 31), pp. 83-151.

  19. Costantinopoli-Tubinga-Roma, ovvero la ‘duplice conversione’ di un manoscritto bizantino (Vat. gr. 738), in «Byzantinische Zeitschrift», 93 (2000), pp. 37-107.

  20. Rc. a E. Gamillscheg (et al.), Repertorium der griechischen Kopisten, 800-1600, III, Handschriften aus Bibliotheken Roms mit dem Vatikan, Wien 1997 (Österreichische Akademie der Wissenschaften. Veröffentlichungen der Kommission für Byzantinistik, III/3 A-C), in «Jahrbuch der Österreichischen Byzantinistik», 50 (2000), pp. 317-330.

  21. I Vangeli dei Popoli. La Parola e l’immagine del Cristo nelle culture e nella storia (Bimillenario di Cristo – Cristo e Maria 2000), Catalogo della mostra (Città del Vaticano, Palazzo della Cancelleria, 21 giugno-10 dicembre 2000), a cura di F. D’Aiuto (et al.), Città del Vaticano-Roma 2000, pp. 268-270 (scheda n. 61), 320-322 (scheda n. 80).

  22. Una lista di commemorazioni di defunti dalla Costantinopoli della prima età paleologa. Note storiche e prosopografiche sul Vat. Ross. 169, in «Rivista di Studi Bizantini e Neoellenici», n.s., 38 (2001) [pubbl. 2002], pp. 103-194.

  23. Tardo Medioevo greco-latino: manoscritti bilingui d’Oriente e d’Occidente, in Libri, documenti, epigrafi medievali: possibilità di studi comparativi, Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione Italiana dei Paleografi e Diplomatisti (Bari, 2-5 ottobre 2000), a cura di F. Magistrale, C. Drago e P. Fioretti, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2002 (Studi e ricerche, 2), pp. 17-135.

  24. L’Erodoto di Palla Strozzi (cod. Vat. Urb. gr. 88), in «Bollettino dei Classici», III s., 23 (2002) [pubbl. 2003], pp. 31-130.

  25. Scrittura arcaizzante in codici profani e sacri della prima età paleologa, in «Römische Historische Mitteilungen», 45 (2003), pp. 59-101 (in collaborazione con G. Prato).

  26. Cura editoriale di «Römische Historische Mitteilungen», 45 (2003) (in collaborazione).

  27. Gli scribi della cancelleria patriarcale di Costantinopoli sotto Callisto I e Filoteo Kokkinos (1350-1376), in Comité International de Paléographie Grecque, VIe Colloque International de Paléographie Grecque (Drama, 21-27 septembre 2003), Résumées des relations et des communications, Drama 2003, pp. 52-56.

  28. Fusione forzata, unificazione paritetica e ‘liberazione’ di monasteri in età paleologa alla luce di un nuovo frammento documentario della cancelleria patriarcale di Costantinopoli, in Le Patriarcat oecuménique de Constantinople aux XIVe-XVIe siècles: rupture et continuité, Colloque International (Rome, Académie de Roumanie, 5-7 décembre 2005), Résumés des communications soumis par les participants, Rome 2005, pp. 2-3.

  29. Curatela: Tradizione, ecdotica, esegesi. Miscellanea di Studi, a cura di G. De Gregorio e S.M. Medaglia, Napoli, Arte Tipografica, 2006 (Quaderni del Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università degli Studi di Salerno, 30) (con premessa a p. 5).

  30. La scrittura greca di età paleologa (secoli XIII/XIV). Un panorama, in Scrittura memoria degli uomini, Atti della giornata di studi in ricordo di G. Cannataro, Bari, Ecumenica Editrice, 2006, pp. 81-138.

  31. Ephetos – „in diesem Jahr“. Zur Datierung des Bulgarenfeldzugs des Kaisers Konstantinos IV (Sommer/Herbst 680), in «Rivista di Studi Bizantini e Neoellenici», n.s., 43 (2006) [pubbl. 2007], pp. 21-56 (in collaborazione con O. Kresten).

  32. Presentazione di In uno volumine. Studi in onore di Cesare Scalon, a cura di L. Pani, Udine, Forum, 2009, pp. XVII-XIX.

  33. Il papiro conciliare P.Vindob. G 3: un ‘originale’ sulla via da Costantinopoli a Ravenna (e a Vienna), in Le Alpi porta d’Europa. Scritture, uomini, idee da Giustiniano al Barbarossa, Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione Italiana dei Paleografi e Diplomatisti (Cividale del Friuli, 5-7 ottobre 2006), a cura di C. Scalon – L. Pani, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2009 (Studi e ricerche, 4), pp. 233-379 (in collaborazione con O. Kresten).

  34. Trad. it. di O. Kresten, Il Rotolo di Giosuè (BAV, Pal. gr. 431) e gli Ottateuchi miniati bizantini, Città del Vaticano, Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, 2010

  35. Epigrammi e documenti. Poesia come fonte per la storia di chiese e monasteri bizantini, in Sylloge Diplomatico-Palaeographica I. Studien zur byzantinischen Diplomatik und Paläographie, hrsg. von Ch. Gastgeber – O. Kresten, Wien, Österreichische Akademie der Wissenschaften, 2010 (Veröffentlichungen zur Byzanzforschung, XIX = Denkschriften der philosophisch-historischen Klasse der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, 392), pp. 9-134.

  36. Teodoro Prodromo e la spada di Alessio Contostefano (Carm. hist. LII Hörandner), in «Nea Rhome», 7 (2010), pp. 191-295.

  37. Spigolature dai codici greci della Biblioteca Nazionale di Roma: un volume della fine del XVI secolo fra Collegio Greco e Collegio Romano (Fondo Greci 13), in Sit liber gratus, quem servulus est operatus. Studi in onore di Alessandro Pratesi per il suo 90° compleanno, a cura di P. Cherubini – G. Nicolaj, Città del Vaticano, Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, 2012 (Littera Antiqua, 19), II, pp. 1059-1090

  38. Curatela: La produzione scritta tecnica e scientifica nel Medioevo: libro e documento tra scuole e professioni, Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione Italiana dei Paleografi e Diplomatisti, Fisciano – Salerno (28-30 settembre 2009), a cura di G. De Gregorio – M. Galante, con la collab. di G. Capriolo – M. D’Ambrosi, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2012 (Studi e Ricerche, 5) (con Premessa a pp. VII-IX).

  39. P.Hamb. Inv. Nr. 410 – Kiel, Universitätsbibliothek, Cod. Ms. K. B. 157.4to – Lübeck, Stadtbibliothek, Ms. Theol. lat. 2° 101, in Von Homer und Aristoteles bis zum Neuplatonismus. Griechische Handschriften in norddeutschen Sammlungen, Katalog zur Ausstellung in der Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg Carl von Ossietzky, 24. September – 1. Dezember 2013, anlässlich des VIII. Internationalen Kolloquiums zur Griechischen Paläographie – Universität Hamburg vom 22. – 28. September 2013, hrsg. von Ch. Brockmann, Hamburg, Institut für Griechische und Lateinische Philologie – Universität Hamburg, 2013, pp. 12-14, 96-104.

  40. Filone Alessandrino tra Massimo Planude e Giorgio Bullotes. A proposito dei codici Vindob. Suppl. gr. 50, Vat. Urb. gr. 125 e Laur. Plut. 10, 23, in Handschriften und Textforschung heute. Zur Überlieferung der griechischen Literatur. Festschrift für Dieter Harlfinger aus Anlass seines 70. Geburtstages, hrsg. von Christian Brockmann, Daniel Deckers, Lutz Koch und Stefano Valente, Wiesbaden, Dr. Ludwig Reichert Verlag, 2014 (Serta Graeca, 30), pp. 177-230 (con 16 tavv. a colori f.t.)

  41. Una inedita fonte documentaria per la storia dei monasteri bizantini nel secolo XIII: il frammento originale della cancelleria patriarcale di Costantinopoli Vat. gr. 100 B, in Sylloge Diplomatico-Palaeographica II. Studien zur byzantinischen Diplomatik und Paläographie, hrsg. von Ch. Gastgeber – O. Kresten, Wien, Österreichische Akademie der Wissenschaften (Veröffentlichungen zur Byzanzforschung – Denkschriften der philosophisch-historischen Klasse der Österreichischen Akademie der Wissenschaften), (in corso di stampa).

Ultima modifica: 27 aprile 2015 14:22

Up torna su